daxioma logo

Si pensava che la crisi è annullata? Ma, no!

24 Dicembre 2019

Si pensava che la crisi è annullata? Ma, no!

Per cominciare, il NOI pubblicato novembre immobiliari statistiche, e i risultati sono stati molto peggio di quanto si pensasse. Se nel mese di ottobre gli indicatori raggiunto 733 migliaia di euro, oggi è stato reso noto che il mese di ottobre l'indicatore è stato regolato a 710 migliaia di euro, e il mese di novembre indicatori raggiunto 733 migliaia di euro.

 

Ma ci sono miglioramenti. Futures sull'indice S&P 500 ieri alle 15:00 MSK un altro record - 3233.88 p. Gli esperti dicono che l'indice di crescita è stato provocato dal fatto che la Cina ha annunciato una riduzione dei dazi sull'importazione di 859 tipi di merci. Molti investitori ritengono che questo tipo di azioni da parte di Pechino è un nuovo passo che dovrebbe risolvere i problemi di conflitto in USA-Cina di un accordo commerciale.

 

Se si prende uno sguardo sensibile alle statistiche, diventerà chiaro che le tariffe sono state ridotte per tutti i paesi membri dell'OMC, e un elenco ufficiale, mostra solo questi cambiamenti in tasse. I rappresentanti cinesi sono sempre più dicendo che la riduzione riguarda solo una certa gamma di tariffe che sono associati con le merci Americane.

 

Romano Ermakov, che è il capo del Lanta-Banca che si occupa di operazioni di dipartimento, dice, “di Natale, e il commercio è bassa. Tutti vogliono chiudere l'anno a massimi, nessuno vuole davvero vendere. C'è un sacco di liquidità, ci sono 12 miliardi di USD di negativo-restituzione di fondi al mondo, Trump le dichiarazioni di spingere il mercato, in modo che il percorso di minor resistenza è fino. E tutta questa dinamica non è così significativo. Per esempio, l'oro sembra attivo, ma bloccato al di sotto di 1500 dollari l'oncia, e se il prossimo anno è positivo, allora si può vedere nel canale precedente - 1150-1350 USD, ha lasciato questo canale solo sullo sfondo della Cina e stati UNITI la guerra commerciale. Non c'è iperinflazione nel mondo, e le paure sono sempre più piccoli, in modo che non vi è alcun motivo per l'oro a crescere. Nonostante i continui “non quantitative easing”, il dollaro è forte come la percentuale è positivo. Inizierà a indebolirsi attività in euro cessa di essere inutile e di flussi finanziari vengono reindirizzate verso l'Europa, ma finora non c'è alcuna ragione per questo. ”

 

Vogliamo attirare l'attenzione sul fatto che la Mosca di Cambio Indice continua a competere con il dollaro, perché entrambe le valute hanno iniziato l'anno a circa 2.400 p., Tuttavia, il dollaro è stato sostenuto da un rimbalzo dopo un forte prelievo, e la russa hanno rallentato il più forte rublo.

 

Ieri, 12/23/2019, il rublo record raggiunto 3033.81 punti, mentre l'indice ha finito per crescere da 0.59%. E RTS indice del dollaro salito 0.74%. In quel momento, mentre il rublo è sempre più forte, il dollaro è sempre più economico e cadere 62.17 rubli.

 

Romano Ermakov continua - “il rublo è sempre più forte dopo la riunione di dicembre la Fed, il“ non quantitative easing”, continua, il bilancio della Fed è vicino al suo massimo storico.Finora, l'unico visibile minaccia è la crescente difficoltà con imprese in Cina. Molti di debito-sovraccarico aziende sono state considerate quasi-stato, era un locale rating AAA, e i comuni sono anche accreditati, ma lo stato non può disporre di risorse sufficienti - e le cifre non sono paragonabili alle Americane del settore. In Europa, si vede annullare un Japaneseization - niente di buono ci sarà, ma i “cigni neri” non volare da lì. Il sud America è anche preoccupante, sia in Cile, che hanno richiesto il titolo di “Svizzera italiana”, e in Brasile, ma è improbabile che possano avere conseguenze come i rischi connessi con l'economia Cinese. I prezzi del petrolio sono alti, russo asset salirà di prezzo, gli strumenti di debito sono interessanti, le finanze pubbliche sono in ordine, il rapporto di prezzo al profitto è molto più basso. Quindi la Russia è improbabile che diventare una fonte di instabilità. Ma quando più di un terzo di OFZs sono in mano a non residenti, è ovvio che in caso di turbolenza globale, il nostro mercato può soffrire molto. ”

vista: 1119A tutte le notizie