daxioma logo

Economici coronavirus: cadrà se i mercati azionari

29 Gennaio 2020

Economici coronavirus: cadrà se i mercati azionari

Le previsioni per l'anno, abbiamo scritto circa il fatto che nel 2020 ci si può aspettare la nascita del “Cigno nero”, e così, entro la fine di gennaio le sue caratteristiche diventano più evidenti del solito.

 

Un'epidemia di coronavirus nella città Cinese di Wuhan ha lasciato un impatto negativo sui mercati azionari e locali commerciali in tutto il mondo. Al momento in Cina il PIL è di circa il 15% della cifra globale, ma ora l'epidemia potrebbe costare il Regno di mezzo 5.77 miliardi di dollari, che consentirà di ridurre gli indicatori di un punto percentuale della crescita economica nel 2020. In Russia, la situazione è gravida di prolungata indebolimento del rublo e il calo della domanda di petrolio, gas, metalli e altre materie prime per l'esportazione.

 

Economica e commerciale conflitto tra Pechino e Washington, ha causato danni notevoli per l'economia Cinese, tuttavia, a causa della epidemia di coronavirus prende brividi da febbre: ferrovie e del trasporto aereo è diminuito del 42%, l'indice della prima borsa di Shanghai Composite è sceso del 2,8%, le autorità cittadine hanno imposto la quarantena ha portato a un forte calo della domanda dei consumatori. Nella parte centrale della Cina ha cessato di funzionare alberghi, ristoranti, luoghi di intrattenimento e grandi centri commerciali. Logicamente, se la società è la paura di viaggiare, di intrattenimento e di shopping, non può essere considerata.

 

Inoltre, nel 2019, il PIL della Cina è cresciuto da solo il 6,1% , mostrando il più basso tasso di crescita negli ultimi 30 anni, ma la cosa più interessante è che il 50% di questa crescita rappresentato dalla spesa del consumatore, e questo dà la vita economica, il potere distrugge lo scoppio del coronavirus.

 

Direttore dell'Istituto di analisi strategica FBK Igor Nikolaev dice “tutto ciò è molto grave. Abbiamo un classico esempio di “black Swan” eventi imprevisti ed imprevedibili, ma realizzato. Come l'economia mondiale è maturo per un'altra crisi di natura ciclica, l'attuale epidemia può quindi servire come un trigger che avrà inizio il meccanismo di recessione globale. Questo trigger è stato nel settembre 2008 con il fallimento della Banca d'investimento Lehman Brothers”.

 

Nikolaev ha detto che l'epidemia continua a diffondersi e, quando il numero di casi arrivare a decine di migliaia di persone, affari internazionali rapidamente ridurre la produzione e attività di investimento. La Russia soffre nella forma di un corso che è ora di negoziazione in basso dal 19 dicembre 2019. Al momento, la Cina è ancora fornisce i due terzi della domanda mondiale di energia, tuttavia, i prezzi del petrolio russo potrebbe cadere, come in questi ultimi giorni, un barile di greggio Brent è sceso di quasi il 10%.

 

Natalia Milchakova, vice capo di IAC Alpari, osserva, “è possibile richiamare l'epidemia di SARS virus della SARS in Cina nel 2002. A quel tempo, c'erano anche i timori che il tasso di crescita del Celeste Impero, il PIL sarebbe drasticamente rallentare, ma nel 2002 pari al 9% in termini di dollari, e un anno dopo - il 12%. Le perdite in una zona può essere fatto per un altro, per esempio, riduzione del consumo del turismo e dei servizi di trasporto - un aumento della domanda di servizi medici e farmaci. ”

vista: 1162A tutte le notizie