daxioma logo

Vacanza nero per il rublo

31 Marzo 2020

Vacanza nero per il rublo

Dopo una settimana di “vacanza” di negoziazione sulla borsa di Mosca ha aperto con alti tassi di, al dollaro ha superato 80 rubli, e l'Euro è molto vicino al 90 rubli. Le quotazioni ufficiali della Banca Centrale è molto più basso: 77,73 rubli per dollaro, e 85,73 rubli per un Euro. A causa del fatto che il prezzo del petrolio rimane molto basso, il rublo russo non può organizzare quarantena vacanza. Questa settimana il prezzo del petrolio potrebbe scendere al di sotto di 20 USD al barile, poi il dollaro supera $ 85.

 

L'inizio di un nuovo giorno di riposo della settimana il rublo ha causato nuovi problemi. In apertura delle contrattazioni di Mosca di cambio, il dollaro è salito del 2,6%, fino a 80.85 del rublo, e l'Euro ha mostrato un aumento dell ' 1,6% e ha superato 89,1 rubli. Gli esperti dicono che il tasso di continuare a cadere, in quanto i mercati ottimismo non è osservato, come i prezzi del petrolio rimangono a un livello molto basso. Il costo del mare del Nord, il Brent è sceso a 22,5 USD, e noi varietà WTI rotolo al di sotto di 20 USD al barile, che è diventato un record dal 2002. A sua volta, la russa, marchio Urali, è caduto al 16,2 per USD, il più basso dal 1999.

 

Svizzera professionista Mercuria Energy Group ha firmato un accordo con un prezzo negativo a meno di 19 centesimi, solo per sbarazzarsi di traboccare l'olio di conservazione delle materie prime. Elisabetta Murphy, che è l'analista, ESAI Energia che mantiene la struttura dispone di accesso privato al mare di trasbordo basi, in modo che le materie prime solo non è acquirenti. Il prezzo di carburante da parte di altre aziende, che negozio a riempire rapidamente a causa della mancanza di domanda, è anche poco dovrebbe diventare negativo.

 

Gli analisti avevano previsto, che ha indicato che nel prossimo futuro la situazione con il rublo può solo peggiorare. Inoltre, a causa della diffusione del coronavirus, la domanda di petrolio a livello mondiale è sceso del 20-25%. Un dato importante è che nel globale stoccaggio di materie prime, le scorte erano solo 2-4 mesi, e non tutti i produttori hanno accesso ai depositi petroliferi.

 

Sergei Suverov, che è il senior analyst “BKS il Primo Ministro”, Afferma che “il mese di aprile sarà un “nero” del mese per “oro nero”. Gli esperti del settore suggeriscono un ulteriore calo della domanda di energia. Ci sono previsioni sul calo di interesse in olio di un altro 20%”. Ha detto che in questa fase del settore energetico mondiale a fronte di un surplus record di produzione di idrocarburi. Dal 1 ° aprile, quando il funzionamento del Trattato nel quadro dell'OPEC+, i suoi ex membri, soprattutto l'Arabia Saudita, aumenterà in modo significativo l'estrazione di materie prime, che causerà ulteriori impatto sulle quotazioni. Come risultato, il WTI è sceso sotto i $20 al barile, ma il Brent, che è sempre stato molto più costoso.

vista: 946A tutte le notizie